***Il noir “Giustizia Assoluta” è disponibile online – Ordina la tua copia***

Il noirGiustizia Assoluta” di Sergio Nava è disponibile su Amazon Kindle Store.

Potete acquistare online a soli 2,99 euro la vostra copia ebook, e/o richiedere l’invio a casa dell’edizione cartacea ad un prezzo di lancio esclusivo.

…e se avete sottoscritto la formula Kindle Unlimited, il libro lo potete scaricare GRATIS.

Il profilo del noir “Giustizia Assoluta” è ampio, aperto, internazionale. Una dimensione, questa, impreziosita da un chiaro sapore mediterraneo e del sud Europa: nelle descrizioni, nei personaggi, nelle diverse culture che si amalgamo -intensamente- tra le pagine.

Il romanzo si snoda come un viaggio “on the road” tra Spagna, Francia e Italia, seguendo il dipanarsi di un’indagine che si trasforma, col passare del tempo, in una disperata caccia all’uomo.

La dimensione del “Giallo” è ben presente. Tuttavia, nella migliore tradizione della “novela negra” iberica, si riduce spesso ad un semplice pretesto, per mettere a fuoco e analizzare le infinite ipocrisie sulle quali si fondano le nostre società.

Ipocrisie senza le quali, semplicemente, si spalancherebbe il caos.

CLICCA QUI PER ACQUISTARE LA TUA COPIA DI “GIUSTIZIA ASSOLUTA”

Le recensioni su Amazon:

“Avvincente e avvolgente. Ben scritto. Mi è sembrato di camminare per tutte le strade insieme a Stefano Izzo”

“Noir avvincente, ben articolato, pieno di suspense e colpi di scena, da lasciare senza fiato. Si corre a fianco del protagonista in un intreccio adrenalinico. Scrittura precisa, sottile, affilata”

“SUSPENSE è la parola d’ordine. Ti metti a fianco del protagonista e condividi con lui tutto, dall’inizio alla fine. Nel mare (Mediterraneo) magnum delle parole, le frasi sono sparate a raffica, concise e precise, in puro stile hard boiled”

Leggi e guarda le altre recensioni di “Giustizia Assoluta”:

IL MATTINO” (Napoli)

TELEVOMERO” (Napoli)

RADIO LOMBARDIA” (Milano)

Featured post

“Giustizia Assoluta” – Presentazione a Milano, 28 novembre @ Let’s

Ci siamo: il traguardo del 20 dicembre, data della conclusione del crowdfunding di “Giustizia Assoluta”, è ormai in vista.

Giovedì 28 novembre alle 22 l’ultima presentazione, al Let’s Feel Good -Showroom Culturale di viale Ergisto Bezzi 73 a Milano (a margine della serata su Bansky e Bauman)

Poi tocca a voi: le prenotazioni online hanno ampiamente superato quota 50%, ma serve un ultimo sforzo!

***Prenota “Giustizia Assoluta”su questo link, prima che le copie ebook o cartacee si esauriscano. Non aspettare l’ultimo giorno per farlo***

Qui le uscite media:

“Giustizia Assoluta” a Televomero

“Giustizia Assoluta” a Radio Lombardia

“Giustizia Assoluta” su “Il Mattino” di Napoli

QUARTA DI COPERTINA:

“La mia giustizia non è terrena. Non la applicano nei tribunali. Non mi arrogo neppure il diritto di esercitare quella divina. La mia è una giustizia che punisce gli assassini. Uomini che non meritano di vivere. Uomini che pensano che tutto abbia un prezzo. Uomini che fanno la morale agli altri, mentre hanno le mani e i piedi ricoperti di merda. La mia è una Giustizia assoluta”.

Un omicidio sull’isola di Lanzarote. Un detective indaga. Un uomo ai margini della società, che non ha nulla da perdere. O almeno questo pensava.

L’azione si sposta a Barcellona. Quindi a Marsiglia. Infine a Napoli. Un’indagine che si trasforma in una disperata caccia all’uomo. Per vendetta. Fino al colpo di scena finale.

Sullo sfondo una società corrotta. Dove l’ipocrisia è l’unica vera moneta di scambio. E dove il “dio Denaro” rappresenta l’unica religione possibile.

I protagonisti sono tutti naufraghi di un unico mare. Quel Mediterraneo, i cui colori, odori e sapori si fondono, esplodendo tra le pagine.

I Misteri di “Giustizia Assoluta”

VI garantisco un colpo di scena finale che farà crollare ogni vostra certezza.

Che sovvertirà ogni convinzione accumulata leggendo i primi due terzi del romanzo.

Ma c’è un altro mistero in “Giustizia Assoluta”.

La soluzione qui dipende solo da voi.

Riuscirà il romanzo a centrare l’obiettivo delle 200 copie prenotate?

Mancano solo 50 giorni per saperlo…

Il 20 dicembre scade il periodo di crowdfunding.

Prenotate la vostra copia e passate parola, per risolvere quest’ultimo mistero.

Non rimarrete delusi!

***CLICCA QUI PER PRENOTARE LA TUA COPIA IN ANTEPRIMA ENTRO E NON OLTRE IL 20 DICEMBRE***

La colonna sonora di “Giustizia Assoluta”

Ogni noir che si rispetti ha la sua colonna sonora.

Ecco una playlist You Tube con i brani che troverete in “Giustizia Assoluta”.

Un mix internazionale: dalla Spagna alla Grecia, fino al pop britannico e al jazz statunitense.

Cliccate sui titoli per aprire il video.

Enjoy!

Kaneis Den Xerei

Night Call

Concierto de Aranjuez

‘Round Midnight

No Regrets

Playas de Barbate

***CLICCA QUI PER PRENOTARE LA TUA COPIA IN ANTEPRIMA ASSOLUTA***

Marettimo

Un puntino in mezzo al mare. Al largo della Sicilia.

Il posto perfetto per vivere.

Lontano da tutto. E da tutti.

Così pensava Stefano Izzo.

Marettimo rappresenterà per lui il porto sicuro dove tornare.

Una volta passata la bufera che sconvolgerà per sempre la sua vita.

Leggi i prossimi “post” e continua a raccogliere gli indizi…

***CLICCA QUI PER PRENOTARE LA TUA COPIA IN ANTEPRIMA ASSOLUTA***

Marettimo

Uscii sul terrazzino. Un’altra bella giornata di sole all’orizzonte, col mare leggermente increspato dallo scirocco. Un vero peccato doversi perdere l’inizio della stagione estiva, proprio ora che avrebbe cominciato a fare caldo sul serio.

Marettimo mi dava una sensazione di libertà estrema. Per questo l’avevo scelta, scappando dal Nord. Un puntino. Uno scoglio in mezzo al Mediterraneo.

Distante da tutto: dalla Sicilia, dall’Italia, dalla merda che questo mondo produce -instancabilmente- a getto continuo.

Napoli

Napoli è la città italiana di “Giustizia Assoluta”.

Un palcoscenico straordinario.

I Quartieri Spagnoli, Chiaia, Toledo, Castel Dell’Ovo, il lungomare.

Sarà anche il culmine dell’azione.

Un culmine solo apparente.

Perchè la verità, quella più indigesta, deve ancora venire a galla.

Leggi i prossimi “post” e continua a raccogliere gli indizi…

***CLICCA QUI PER PRENOTARE LA TUA COPIA IN ANTEPRIMA ASSOLUTA***

Napoli

Le ombre della storia mi sovrastavano, nei Quartieri Spagnoli. Rimandavano ad un passato borbonico, militare, imperiale. Abitato ora da una variegata umanità, che viveva e sopravviveva in questo scenario d’altri tempi. Alzai lo sguardo, verso palazzi cromaticamente variegati. Si alternavano, in modo assolutamente casuale, i colori rosso porpora, giallo zinco, e grigio. Palazzi scrostati dal tempo e dall’incuria, testimoni di una storia secolare.

Che posto unico.

L’ultima -risparmiabile, se solo avessi potuto…- fatica fu raggiungere a piedi il quarto piano del palazzo. L’interno del B&B era silenzioso. Aprii la porta della mia camera con estrema cautela.

Non c’era nessuno.

Marseille

Marsiglia. Il Panier. Il Vieux Port.

Ambientazioni obbligate per un noir.

Marsiglia come città di passaggio.

Solare e pericolosa.

Un buon posto per uccidere.

Leggi i prossimi “post” e continua a raccogliere gli indizi…

***CLICCA QUI PER PRENOTARE LA TUA COPIA IN ANTEPRIMA ASSOLUTA***

MARSEILLE

Il sole -già caldo- allungava i suoi raggi in quell’angolo di Marsiglia, che non aveva bisogno di presentazioni o descrizioni. Sarebbero state tutte insufficienti. Era semplicemente un angolo da leggenda.

Per arrivarci avevamo percorso la Canebière, strada che taglia in due il centro cittadino. La prima volta che sentii parlare di Marsiglia fu in un romanzo noir. Mi colpì il suo afflato mediterraneo, io che -all’epoca- ero solamente un piccolo borghese milanese. Il protagonista si chiamava Fabio Montale. Anche l’autore del romanzo aveva un cognome italiano. Il mio. Ed era straordinariamente bravo a descrivere questa città: la sua intriseca commistione di bellezza e di male, di crimine e di… mare.

Ora il destino mi ci aveva riportato.

Guardai fugacemente il porto, con le barche che ondeggiavano, al ritmo del maestrale. Poco lontane, potevo immaginare le quattro isole che compongono l’arcipelago delle Frioul. Vi ero stato un paio di volte, nella mia vita precedente, sempre e solo per turismo: quanta pace, a così pochi chilometri da una città pur sempre caotica.

Ebbi la tentazione di affondare nella sedia e dormire un sonno totale, terapeutico e definitivo. Lasciandomi alle spalle cinque giorni di passione, odio, morte e miseria umana. Ero finito in un pozzo di merda.

Barcelona

La città dove “Giustizia Assoluta” prende forma.

E dove “Giustizia Assoluta” finisce.

In un certo senso, l’Alfa e l’Omega del noir.

Il Raval, il Barrio Gotico, l’Eixample, Plaça Catalunya, Pedralbes.

Il cuore di Barcellona pulsa tra le pagine del libro.

Rendendo la capitale catalana, sospesa tra passato e futuro, lo scenario imprescindibile del romanzo.

Leggi i prossimi “post” e continua a raccogliere gli indizi…

***CLICCA QUI PER PRENOTARE LA TUA COPIA IN ANTEPRIMA ASSOLUTA***

BARCELONA

Superata la statua di Colombo risalimmo Drassanes, per inoltrarci nel dedalo di vie e viuzze che -come viscere segrete- contribuiscono a comporre e ad intelaiare il ventre storico della città.

Un ventre popolare dal grande passato – il passato di una città sconfitta dai franchisti, soggiogata mentre reggeva con vigore e sfrontatezza lo stendardo della Repubblica.

Un ventre multiculturale, con un presente di immigrazione – immigrazione che aveva cambiato il volto del Raval, o Barrio Chino, trasformandolo nella moderna succursale di un Paese africano. O asiatico.

Un ventre con i “lavori in corso”, che guarda con paura all’unico futuro che gli resta – futuro anestetizzato, da città che non ha nè passato né presente.

Il Raval che mi aveva raccontato Maria, il Raval che aveva fatto la storia di Barcellona, si stava lentamente consumando, per lasciare posto a musei postmoderni, hotel 5 stelle, e piste ciclabili per aspiranti vincitori della Vuelta. Non era necessariamente un male: le città cambiano. E devono cambiare. Ma se perdono i propri tratti distintivi, le proprie radici… rischiano anche di perdere l’anima.

Il Barrio Chino era l’anima nera di Barcellona.

“Giustizia Assoluta” a Televomero

“Giustizia Assoluta” in onda -lunedì 7 ottobre- nell’edizione serale di Televomero, una delle principali emittenti televisive di Napoli e della Campania.

Con la conduttrice Fabiola Conson abbiamo parlato del ruolo della città partenopea all’interno del romanzo. E di come Napoli rappresenti un palcoscenico imprescindibile, per un noir mediterraneo. Anticipando qualche elemento della trama.

Potete vedere l’intervista (circa cinque minuti) a partire dal minuto 8’39”, COLLEGANDOVI A QUESTA PAGINA YOUTUBE

***CLICCA QUI PER PRENOTARE LA TUA COPIA IN ANTEPRIMA ASSOLUTA***

La Isla – Lanzarote

Lanzarote come prologo necessario del romanzo.

Un’isola dispersa nell’Oceano Atlantico.

Così diversa dalle ambientazioni mediterranee di “Giustizia Assoluta”.

Tuttavia, un’isola onirica.

Dove la terra, bruciata dal magma di eruzioni devastanti del passato, riduce la realtà a polvere.

Lasciandoci in eredità il deserto delle nostre coscienze, svuotate da una vita di compromessi.

Leggi i prossimi “post” e continua a raccogliere gli indizi…

***CLICCA QUI PER PRENOTARE LA TUA COPIA IN ANTEPRIMA ASSOLUTA***

LANZAROTE

La temperatura era scesa di almeno cinque gradi. Uscendo dall’auto rabbrividii. Poi mi incamminai, tagliando a piedi la LZ-2, verso il caseggiato.

Calcolai un chilometro da percorrere, in mezzo alle sterpaglie di una terra arida, che ricordava vagamente l’outback australiano. O il deserto americano, a seconda dei gusti.

L’ultima luce solare, in lontananza, guidava il mio cammino. Con me avevo solo il cellulare, la pistola, e una torcia – che intendevo usare al ritorno.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito